martedì 30 luglio 2013

Il M@r che è dentro te.


Che fatica essere qualcosa di speciale. Fissarti gli occhi e scorgere quel qualcosa di speciale, di luminoso e forte che conservo gelosamente, ogni volta, in un forziere piccino tra le mani affusolate. Le mani. Che quando le guardo penso che le vorrei indietro e bagnarle nuovamente, profumarle. Che fatica essere un imbecille, uno scemo, un cretino, esposto ogni giorno alle intemperie e alle idiozie degli altri, vuoti, VUOTI, fixing hole, barbuti figli di papà che fanno i pezzenti rock, ma non sanno fare proprio nulla. Sanno solo dare erba e cazzo alle loro ragazze, riempirle di puttanate e libri ben letti. Ma che fatica starti dietro, proprio ora che mi guardi e non ci sono o forse non mi guardi, ma ci sono, come sempre, per te. Che bello faticare...Che bello aspettare quei treni infiniti che si dilungano dolcemente su aliti di mare, regalandoti a me. Che fatica sperare che dalla tua bocca esca una promessa dorata per stendere nuovi fogli e ricominciare a disegnare. Io aspetto...



domenica 28 luglio 2013

Parvum parva decent


Non regalarmi nessuna radio e staccami il telefono non ascoltare nemmeno la mia
SegreTerIA TeleFoniCMa
non assaporare le mie mani polverose lacerami l'aponeurosi
e dì a tutti che non ci sono galli
galli neri
a cantare dagli angoli dei terrazzi

Spaccami la radio, fammi un favore
FM AM
richiama i miei lombrichi disegnando un cerchio di fuoco nell'aria e mostrami alla terra umida come un trofeo Ricorda a tutti senza ricordare a nessuno
Sotto le unghie prova a trattenere la risata che esplode 

nel vedermi rotolare....



lunedì 22 luglio 2013

Le feste comandate.

Ci separano ancora una volta. Come quasi ogni anno. Tra la gente che non capisce un cazzo e vive ignara, immaginando, senza sapere. Ma a noi che ce ne frega. Mixeliamo di granite i ricordi che senza fatica ci saltano attorno. Ho un segreto in mezzo ai denti, anzi no, sotto la lingua, anzi no, dietro gli occhiali; toglimeli, così lo vedrai saltare fuori. Toglimi questi maledetti occhiali. E l'anno prossimo non ci saranno feste comandate a separarci. Trionferemo così sotto i nostri archi, sui nostri ponti nel nulla e coi nostri cappotti profumati sapremo ancora essere consonanti...


° puff °

Tutti i disegni, le immagini e gli scritti (eccetto alcuni indicati nelle tag) su questo blog sono di proprietà di Gianmarco De Chiara (2008-2015)