sabato 18 febbraio 2012

Ricordi.

Un giorno mi hanno svegliato degli strani odori di coperte. Ero completamente rimbambito. Cosa stavo facendo? Dove erano finiti i miei amici? Il tempo E' passato inesorabilmente su tutti. E allora adesso voglio ricordare cose un pò così, senza senso, evocandole senza freni. Evocherò pensieri e ricordi di persone che mi ho incontrato e con cui ho approfondito discorsi e relazioni. Non ho voglia di stare fermo un attimo e qualcuno questo lo ha imparato (che non so stare fermo un attimo), che mi va di correre e di fare, che mi va di guardare e che sarebbe bello avermi in mille posti. So che alcuni sono andati via, uno o due amici sono morti, che comunque vadano le cose restiamo sempre qui a sputarci in faccia e le cose cambiano. La gente passa e le cose cambiano quando meno te lo aspetti. Lasci stare tutte le cose che sono accadute, fino a quando un girarsi improvviso non ti sorprende in un giorno di incontri che ritornano. Fatalità. Stupido. Sono stupido. Mi piace non stare fermo un attimo. Mi chiedo perchè tutto questo fare e smontare e DADA debba avere un senso. Ricordo cose che ora non faccio più. Qualcuno o qualcuna mi spiegò che la libertà è una cosa dolce e poi pianse fino ad ora di pranzo...

5 Aprile 2010

Nessun commento:

Tutti i disegni, le immagini e gli scritti (eccetto alcuni indicati nelle tag) su questo blog sono di proprietà di Gianmarco De Chiara (2008-2015)