venerdì 28 gennaio 2011

Resti.

Facevo dei lunghi bagni, durante i quali ero domato dal grunge. E fischiettavo, nei corridoi, seguendo sottilissime gambe di cento persone, che mi insegnavano, senza volerlo, ad essere un pò più alto. Donavo e facevo regali, ne faccio ancora. Ho imparato a disegnare le divergenze dei corpi contundenti, quando i falsi intellettuali di sinistra si laccavano i capelli, spacciandosi per cantautori impegnati. E odiavo e odio queste e diverse categorie affiliate. Per indole. Come se dovessi qualcosa a qualcuno, io non devo niente a nessuno e tutto a tutti.

Nessun commento:

Tutti i disegni, le immagini e gli scritti (eccetto alcuni indicati nelle tag) su questo blog sono di proprietà di Gianmarco De Chiara (2008-2015)