martedì 23 dicembre 2008

lunedì 15 dicembre 2008

Cinque cazzate

Non mi va a genio. Strapparmi la lingua, per cavarmi le parole di bocca potrebbe essere una soluzione. Sento che una scimmia argentina mi sta fregando il piatto, ma la ucciderò, oh si! La ucciderò prima che venga l'alba! Assieme al samaritano coi sandali maledirò la mia essenza da coglione, assai marcata e poi andrò al mare. Ignorato fino alla morte, sfuggente, ma tagliente, col mio corpicino esile...io ti farò del male...scimmia di merda!

venerdì 7 novembre 2008

Un bambino che dorme


E dove andavo a finire io, cercandomi da solo,
un acchiappafarfalle nelle notti cattive,
con questa scusa del cazzo
che tu cammini e io volo
e invece no la vita non si canta, ma si vive:
ci siamo dati appuntamento a un treno
che aspettava noi
e tu non c'eri più,
e io non c'ero mai,
non c'ero stato mai.
(R.V.)

mercoledì 5 novembre 2008

Chiedi alla polvere...

Tempo fa sedersi per strada e avere dei sogni aveva un significato, ma ora?!

Non ci sono più sogni nei miei occhi smarriti, nelle mie avventure d'inchiostro; c'è solo l'assenza, rimpiazzata da una sigaretta ammaccata.

In cosa credere? Voi come fate? Io so solo essere stupido, diverso agli occhi degli amici, vagabondo con un'alta percentuale di nausea, fuggitivo in un mondo arrosto.

Ho bisogno di un pò di compagnia...
e l'ultimo tiro me la porta via...
ai prossimi anni della mia inesistenza.


Creex Comix n°0






Una tavola del numero zero di Creex Comix.
Se vi va a genio di leggere il fumetto completo
contattatemi e vi passo il file .pdf

sabato 20 settembre 2008

Turandot: COMING SOON!!!

Turandot, un'epopea a fumetti di sessantotto tavole, la cui preparazione è durata più di un anno, sta per vedere la luce. Vi prometto che presto terminerò questo fumetto! - to yeah! -

Manca poco, sono arrivato a 61 di 68... saluti a tutti...

[Lorenzo Sabia omaggia il protagonista di Turandot]

lunedì 21 luglio 2008

Amare il flusso della vita

"Io ho lo spirito di chi ama e sa amare...Amare è forse salutare la malinconia?? Il giorno in cui riesci ad abbracciare la nebbia... io amo i poeti, gli artisti, perchè riescono ad amare più di chiunque altro...certo non c'è dubbio che uno possa essere assai gentile...ma il poeta e l'artista fanno dell'amore anche uno dei loro vessilli e questo in parte è pericoloso.
Amare ed essere artista è di conseguenza essere parte di un flusso vitale; non esserci entrato, ma starci già dentro dalla nascita, percependo il cielo, il sole, gli alberi, gli animali, i sorrisi come cose meravigliose. Amate, dunque, e gioite del flusso della vita."

giovedì 10 luglio 2008

Orlando Furioso


















"Dirò d'Orlando
in un medesimo tratto
cosa ne detta in prosa
mai né in rima..."



















" Ecco pel bosco un cavallier venire,
il cui sembiante è d'uom gagliardo e fiero:
candido come nieve è il suo vestire,
un bianco pennoncello ha per cimiero."

giovedì 26 giugno 2008

Incontro con Gala

Non essendo in grado di parlarle, cercai di circondarla con mille piccole attenzioni. Correvo a cercarle un cuscino, un bicchier d'acqua, le indicavo, in silenzio, il punto da cui avrebbe dominato meglio il paesaggio. Gala, che con intuizione unica al mondo coglieva appieno il mio stato d'animo, era tuttavia ben lontana dal sentirmi furiosamente innamorato di lei. Mi considerava un genio-mezzo matto, ma capace di un grandissimo coraggio morale. E voleva qualcosa da me, qualcosa che completasse finalmente il proprio mito, qualcosa che io, io solo potevo darle.

"Piccolo bambino mio!" mormorò. "Non ci lasceremo mai".
Era destinata ad essere la mia Gradiva, colei che avanza.

da La mia vita segreta di Salvador Dalì



un mio lavoro dedicato a Dalì e Gala.
GEK.

mercoledì 28 maggio 2008

STA TORNANDO...

Sono tornato a rielaborare un mio vecchio personaggio, nato nel 2002 e inattivo oramai da quattro anni. Si ripropone in questa locandina/parodia di Splinter Cell - Conviction...

domenica 18 maggio 2008

Un pò di animali























SILENZIO!

Escursionistiche morti vaganti nel buio, dissidi, affanni e biliardi tradotti in pensieri; quanto falso riso, anche in questo mondo, quando nero stridente con le nostre future allegrie. Riusciremo mai a zittire il male? Godendoci quei secolari pochi millisecondi, l'infinito che ognuno di noi cerca così lontano, ma in realtà così prossimo al nostro sentire...SILENZIO, per favore!


venerdì 9 maggio 2008

Nostalgici degli anni '80

La sindrome "Nostalgia degli anni '80" è propria dei ragazzi nati tra 1986 e gli ultimi mesi del 1989. Praticamente si manifesta in quella generazione nata a cavallo tra fine dell'illusione, dello "sballo", della rottura e l'inizio del diffondersi della tecnologia; una generazione che nasce in un contrasto pieno tra vecchio/rinnovato e assolutamente nuovo. Certo non in tutti questi ragazzi si riscontra questa sindrome, ma in alcuni, per fattori ancora sconosciuti. In genere la "Nostalgia degli anni '80" consiste nel parziale o addirittura totale rifiuto del giovane nel seguire le nuove mode, nell'adeguarsi ai comportamenti dei giovani moderni, nell'assumere le droghe del nuovo millennio (televisione, cellulare ultraequipaggiato e altruS)...inSomma, completamente anacronistici questi stramboidi che hanno vissuto gli anni '90, sentendosi incompleti, mancando loro gli anni '80, riflettono in loro il passatto grunge e rokkerròll di un'epoca fantastica...MEGLIO LORO che OGGI....io sono tra loro. Aggiungo a questo intervento un disegno fatto male e di getto giusto per mostrarvi alcuni miei amici "Nostalgici degli anni '80" (tra cui io). Buona noTTe.

lunedì 5 maggio 2008

A JuLi@

Ecco la mia Giulia Beatrice Filpi con poesia a lei dedicata.
Dannazione io di me stesso
col mio raccontare, bisogno,
come di bere alla fonte
di ogni passione; beatitudine
che ti lascia senza parole.
Io che annego nei tuoi occhi,
stempero il mio narrare
e parlo anche di te.

venerdì 2 maggio 2008

MARMALADE [corto 2006]

Ecco un corto che ho girato a dicembre 2006 assieme ad alcuni miei amici.
la GEK film presenta: MARMALADE (diviso in parti tre).

BUONA VISIONE..





Quadretti 10x10

Ancora salve a tutti, trascoRso un buon primo maGGio?

Posto alcuni dei lavori che hanno partecipato al concorso
Microyoung del circolo culturale Bertolt Brecht di Milano. Sono due quadretti 10x10.

Metrò: Una metropolitana, che ho rappresentato con un grigio scuro, è l’ambiente in cui si muovono queste persone senza corpo, ombre che si trascinano, senza guardarsi, così tante e così vicine in un ambiente che le unisce, ma senza relazionarsi mai. Ognuno va dove deve, veloce, lasciando solo la sua silhouette che ratta attraversa le pareti.

Incubo: L’eterno mondo blu scuro degli incubi inghiotte tutte le cose belle, concentrando in un solo punto tutte le nostre reali paure. Il terrore assale il bambino nel cuore della notte e lo costringe a confrontarsi con ciò che più teme, strappandolo ad un dolce sonno.

mercoledì 30 aprile 2008


Primo: Saluto tutti gli esploratori del web(!)

SeGundo: Ho aperto sto bbblògg...

Solo due parole...il mio nome è Gianmarco De Chiara e mi andava di aprire codesto rifugio informatico per accumulare carte, schizzi, vignette, brevi storie, cortometraggi e scritti di vario genere; detto ciò saluto calorosamente quelli che passano di qui con questo disegnino.
Scusate se non c'è di meglio, ma devo correre in facoltà....see you, wuagliù....
Tutti i disegni, le immagini e gli scritti (eccetto alcuni indicati nelle tag) su questo blog sono di proprietà di Gianmarco De Chiara (2008-2015)